Thursday, May 7, 2020

IT -- Un Messaggio di Larry Romanoff -- Un cambio di sede




Un cambio di sede

5 maggio, 2020

Diamond Key Security Aims to Make the Internet Safe for Everyone



Ho scritto un articolo il 19 marzo 2020, intitolato "Ogni Verità ha Tre Fasi", elencandole così: in primo luogo, viene ignorata. In secondo luogo, è ampiamente ridicolizzata. Terzo, è accettata come evidente. In questo, ho omesso qualcosa d’importante. Il secondo passo ha in realtà due fasi: la verità è ampiamente ridicolizzata, ma se il ridicolo si rivela insufficiente per impedire alla verità di guadagnare popolarità, i sicari emergono per uccidere il messaggero, di solito in senso figurato ma a volte letteralmente. Solo se questo sforzo finale fallisce, la verità può ottenere un riconoscimento pubblico sufficiente per essere finalmente accettata come evidente.


I miei articoli sul COVID-19 (che ho ribattezzato COVID-US) hanno finora raggiunto milioni di download e di lettori nel Nord America. Ora sono stati tradotti in molte lingue (incluso anche l'albanese) e ripubblicati su siti Web e blog nella maggior parte dei paesi di cui conoscete i nomi. Un portavoce del ministero degli Esteri cinese ha pubblicato un post su Twitter con un link al mio articolo "COVID-19 - Ulteriori prove che il virus ha avuto origine negli Stati Uniti", dicendo che i miei articoli sul virus gli hanno cambiato il modo in cui guardare il tutto e ha scritto nel suo post: "Questo articolo è molto importante per ognuno di noi. Si prega di leggerlo e twittarlo nuovamente." Ha anche pubblicato un post simile su Weibo in Cina, con un link allo stesso articolo, e quel post ha ricevuto 160 milioni di visualizzazioni, confermato da un articolo nel NYT.


La semplice quantità ha travolto i tentativi di ridicolizzarlo, provocando un grande allarme e portando all'assassinio come il normale corso degli eventi. Sono stato poi inondato da messaggi affascinanti di persone che volevano "contattarmi", in alcuni casi, "per capire meglio" me, tra cui l'ambasciata degli Stati Uniti a Pechino, tutti i principali media nordamericani (e alcuni europei leccapiedi) e un gruppo rabberciato di varie categorie di disadattati. Alcuni hanno preteso di essere seri periodici europei che chiedevano il permesso di pubblicare i miei articoli, ma chiaramente erano più interessati a ottenere i miei dati bancari e le mie informazioni di contatto (così potevano pagarmi). In caso contrario, richiedevano la mia posizione fisica e il mio indirizzo per inviarmi "personalmente" copie stampate (o forse farmi visita per altri motivi). Altri hanno fatto finta di essere studenti universitari, nelle università che vanno da Harvard a West Overshoe, Kansas, a Nairobi, in Kenya, ancora una volta meno interessati alla ricerca che all'ottenimento di dati personali, informazioni di contatto e, soprattutto, posizione fisica precisa.

Un giornalista di spicco, di uno dei tre grandi quotidiani statunitensi, ha inizialmente inviato e-mail ripetute con molte domande personali, che non erano affari suoi, compreso il motivo del mio "profilo basso" e, soprattutto, se il governo cinese mi stesse pagando. Ha poi iniziato a inviarmi un mucchio di dettagli personali, come la mia città natale, il numero e il genere dei miei figli, i nomi di ex colleghi di lavoro, persino l'invio di foto mie, dall’università a seguire, e molto altro ancora. Il nostro giornalista-estorsore dei media mainstream sperava di intimidirmi in un incontro personale. Altri hanno fatto tentativi più limitati.


Queste attività sono avvenute in concomitanza con la Casa Bianca, che ha improvvisamente dichiarato tutte le riunioni e le informazioni COVID-19 classificate "perché avevano qualcosa a che fare con la Cina", e con Pompeo che ha incaricato tutto il personale del Dipartimento di Stato, in tutto il mondo, di "incolpare la Cina" per il virus.


Poi ho ricevuto un messaggio da qualcuno che affermava di essere "un giornalista controllore dei fatti" presso la Gannett editori. Per adempiere alla sua missione, sembrava aver bisogno dei nomi e dei luoghi di tutte le mie fonti di ricerca, i nomi di "autori, funzionari o commentatori" (e collaboratori) che erano d'accordo con la mia posizione e, più precisamente, "da dove ha raccolto la ricerca nel suo articolo? " Non ho risposto, e il giorno dopo tutti i miei articoli sui virus sono diventati ‘persona non gradita’ su Facebook, tutti i collegamenti e i messaggi sono stati rifiutati sulla base di "notizie false" (per la protezione di innocenti americani). Tutti gli account Wordpress sembrano aver seguito rapidamente l'esempio. Della stessa pasta, sembrerebbe. E, naturalmente, Google è diventato sorprendentemente selettivo nelle informazioni che non riesce a trovare. Come ho scritto prima, l'unico valore nella "libertà di parola" dipende principalmente dal controllo del microfono.


Questi tentativi non sono riusciti ad arginare l’ondata di consapevolezza del pubblico: si è scoperto che la piattaforma che ha pubblicato i miei articoli sui virus li aveva improvvisamente rimossi. Non entrerò nei dettagli, ma penso a "NATO, CIA, RCMP, Governo degli Stati Uniti", e non necessariamente in questo ordine. Non avendo saputo localizzarmi e zittirmi, i criminali hanno staccato il microfono. La rete di censura degli Stati Uniti non è solo unita e ben organizzata, ma ha più muscoli di quanto la maggior parte di noi possa immaginare. E nessuna esitazione a usarli.


Il che mi porta, tardivamente, al punto di questa email. I miei articoli sui virus sono ora disponibili in molte lingue (e molto altro ancora) su: https://www.moonofshanghai.com/

È necessario che noi continuiamo lo slancio dell’ondata in modo che la verità possa raggiungere il terzo stadio. C'è un progresso e ce ne saranno altri.


I virologi francesi hanno ora concluso "L'epidemia di coronavirus in Francia non è stata causata da casi importati dalla Cina, ma da un ceppo circolante localmente di origine sconosciuta ...", (1) e, da altri studi, quel ceppo esisteva solo negli Stati Uniti. La mia informazione è che l'Italia, la Spagna e forse anche il Portogallo sono giunti alla stessa conclusione.


Successivamente, "I dati mostrano che i primi casi di COVID-19 del Canada provenivano dagli Stati Uniti e non dalla Cina". (2)


Di notevole interesse è che New York ora sta febbrilmente dicendo agli americani che "il Coronavirus è arrivato a New York dall'Europa, non dalla Cina". Non si sta facendo questo per difendere la Cina, né per un'improvvisa impennata di giustizia cristiana. Piuttosto, si tratta di una mossa preventiva per deviare la colpa, cui sicuramente seguirà la conclusione inevitabile che l'Europa è stata inseminata dagli Stati Uniti. La base per la loro affermazione sembra essere esclusivamente il fatto che il ceppo virale che colpisce New York sia identico a quello italiano, la colpa è attribuita ai "viaggiatori" dall'Italia che infettano gli americani a New York, ignorando il fatto che gli aeroplani non sono vuoti quando volano dal Stati Uniti in Italia e tutte le prove sono che l'infezione si è verificata nella direzione opposta. (3) (4)


Quindi, "Studio: la seconda ondata d’infezione del Giappone è venuta dall'ovest". Sembra che le prime infezioni del Giappone, come quelle di molti altri paesi, siano state tra alcuni visitatori di Wuhan, ma "Il virus confermato in Giappone aveva una caratteristica più vicina al gene del virus che si è diffuso nei paesi europei rispetto a quello di Wuhan", e gli aplotipi europei sembrano aver avuto origine negli Stati Uniti, perché solo gli Stati Uniti hanno tutti i ceppi. (5)


Infine, il Primo Ministro australiano ha recentemente dichiarato che l'80% o più di tutte le infezioni nel suo paese provengono dagli Stati Uniti. (6) Allo stesso modo, l'Islanda ha confermato che alcune delle loro infezioni da coronavirus sono state rintracciate a Denver. (7) (8)


Se posso, vorrei chiedervi di inoltrare il sopra citato link, Moon of Shanghai, a tutti gli amici o conoscenti che potrebbero essere interessati. Naturalmente siete liberi di inoltrare anche questo articolo di posta elettronica. Nonostante i suddetti ostacoli, sarebbe tragico perdere lo slancio dell'informazione pubblica. Aiutate a dare a Moon of Shanghai la visibilità che merita. E, se siete così propensi, magari dite una preghiera per i tentativi di omicidio falliti.

Quindi, il sindaco di Belleville, nel New Jersey, Michael Melham, ha dichiarato di essere risultato positivo agli anticorpi contro il coronavirus, aggiungendo di aver contratto il nuovo coronavirus a novembre, oltre due mesi prima che il primo caso confermato fosse stato riportato negli Stati Uniti (9) Anders Tegnell, Il principale epidemiologo svedese, ha affermato che il coronavirus circolava nel paese da novembre. (10)


Infine, c'è qualcosa di strano nel virus in Russia. Per molto tempo, la Russia ha avuto solo poche infezioni, che sono aumentate costantemente di solo cinque o dieci al giorno, poi improvvisamente è esplosa, aumentando di 5.000 e poi 10.000 al giorno. I focolai di virus normalmente non si manifestano in questo modo. Il normale processo è un aumento costante e una rapida accelerazione del numero d’infezioni fino al picco, come è avvenuto con tutti gli altri paesi. Ma con la Russia, le infezioni sono state lievi per lungo tempo, con numeri molto bassi, con tutte le indicazioni di un'epidemia senza successo. Sarei molto interessato di vedere le sequenze del genoma dalle prime infezioni, in gennaio e febbraio, a quelle che si verificano in aprile e maggio. Sospetto che le due varietà siano diverse, il che suggerirebbe che la Russia è stata inseminata di nuovo con un'altra varietà per un secondo tentativo.


Se posso, vorrei chiedervi di inoltrare il sopra citato link, Moon of Shanghai, a tutti gli amici o conoscenti che potrebbero essere interessati. Naturalmente siete liberi di inoltrare anche questo articolo di posta elettronica. Nonostante i suddetti ostacoli, sarebbe tragico perdere lo slancio dell'informazione pubblica. Aiutate a dare a Moon of Shanghai la visibilità che merita. E, se siete così propensi, magari dire una preghiera per tentativi di omicidio falliti.


Cordiali saluti,

Larry Romanoff